GUARDA LA SERIE COMPLETA

▷EPISODIO UNO

Indagini e Rapporti (1/4)

La questione della Cina pratiche di trapianto è venuto alla luce per la prima volta tramite un informatore nel marzo 2006. In risposta, David Kilgor e Davide Matas lanciato un studente indipendente indagine. Giornalista investigativo Ethan Gutmann in seguito trascorse sette anni facendo le proprie ricerche. È giunto a conclusioni simili. Nel 2016, i tre ricercatori hanno unito le forze, valutando la ricerca di fonti primarie sulle attività di centinaia di ospedali per trapianti in tutta la Cina. Attingendo a resoconti dei media, dichiarazioni ufficiali, giornali medici, siti Web di ospedali e archivi web, loro I risultati mostrano che l'industria cinese dei trapianti è diventata tra le più prolifiche al mondo in pochi anni, nonostante la mancanza di un sistema di donazione di organi.

▷EPISODIO DUE

Vittime e numeri (2/4)

L'oscuro segreto dell'industria cinese dei trapianti è che è stata utilizzata un'altra fonte: i prigionieri di coscienza non consenzienti. Quelli presi di mira includono prigionieri di coscienza già negli anni '1970, poi uiguri, un popolo musulmano turco residente nella regione nord-occidentale dello Xinjiang negli anni '1990, e negli anni seguenti, alcune prove aneddotiche indicano che anche tibetani e cristiani domestici in cattività erano Usato. Ma il gruppo di gran lunga più numeroso ad essere preso di mira per l'espianto di organi è il Falun Gong. Lo sviluppo serio e su larga scala del sistema di trapianti cinese ha coinciso con la campagna di sterminio del Partito Comunista Falun Gong.

▷EPISODIO TRE

Soppressione da parte del Partito Comunista Cinese (3/4)

La relazione tra il Partito Comunista e lo stato è diverso da tutto ciò che vediamo nei paesi democratici. Negli stati democratici, quelli al governo governano. In Cina è il Partito a governare. I funzionari statali sono burattini. È il Partito che tira le fila. Poiché il Partito governa lo Stato, gli organi statali non controllano il Partito. Ciò vale sia per il sistema giuridico che per quello politico. Il Partito è al di sopra della legge, perché il Partito dice al sistema legale cosa fare. Il Partito non ha bisogno della legge o dei tribunali per impegnarsi nella repressione. Utilizza la polizia e le carceri senza alcuna legge che ne sostenga l'attività.

▷EPISODIO QUATTRO

Legislazione e patrocinio (4/4)

Le leggi vengono approvate criminalizzare l'acquisto di organi oggetto di traffico in patria o all'estero.

The Coalition continua a chiedere ai governi di adottare misure tra cui la segnalazione obbligatoria di "turismo degli organi", il divieto di ingresso di persone coinvolte nel traffico di organi e il divieto di partecipazione delle aziende farmaceutiche ai test sul campo dei trapianti e alle sperimentazioni cliniche in Cina. Ti invitiamo a entrare in contatto con altri accademici, avvocati, esperti di etica, professionisti medici e difensori dei diritti umani per partecipare a una serie di iniziative per porre fine al prelievo forzato di organi in Cina.

CHRIS CHAPPELL

Scrittore/ricercatore/conduttore/creatore di China Uncensored

China Uncensored è una notizia cinese come il Daily Show o il rapporto Colbert è una notizia statunitense. È un po' divertente, un po' spaventoso e dannatamente divertente. Chris Chappell lancia la sua guerra al PCC con una visione sarcastica degli abusi del governo cinese con le ultime notizie.

 

ETHAN GUTMANN

Autore / Giornalista investigativo

La ricerca di Ethan Gutmann sulla sorveglianza Internet cinese, il sistema Laogai e l'intersezione del business occidentale con gli obiettivi di sicurezza cinesi ha ricevuto un'attenzione costante per quasi 15 anni. Ethan Gutmann ha fornito testimonianze e briefing al Congresso, alla Central Intelligence Agency, alla Società internazionale per i diritti umani di Ginevra, alle Nazioni Unite e ai parlamenti di Bruxelles, Ottawa e Canberra.

 

DAVID KIGOUR

Autore/ex Segretario di Stato per l'Asia-Pacifico

David Kilgour è co-presidente dei Canadian Friends of a Democratic Iran, ex presidente del gruppo di lavoro sulla politica dell'America Latina e dei Caraibi della filiale di Ottawa del Canadian International Council, direttore del Council for a Community of Democracies con sede a Washington ( CCD), membro del Centro per lo Studio della Democrazia della Queen's University, direttore della ONG Advancing Human Rights con sede a New York e direttore della Ottawa Mission Foundation.

 

ANASTASIA LIN

Attrice / Titolare del concorso di bellezza

Anastasia Lin è un'attrice pluripremiata, titolare di un concorso di bellezza e sostenitrice dei diritti umani. Nel 2015, Lin ha vinto il titolo di Miss World Canada. È stata invitata a parlare al National Press Club di Washington, DC, all'Oxford Union e al Summit sui diritti umani di Ginevra all'ONU, al Forum sulla libertà di Oslo e ha testimoniato al Congresso degli Stati Uniti, al Parlamento del Regno Unito e all'Assemblea legislativa taiwanese .

 

DAVID MATA

Autore / Avvocato per i diritti umani

David Matas è stato attivamente coinvolto come Direttore dell'International Defence & Aid Fund for South Africa in Canada, Direttore della cooperazione Canada-Sud Africa, co-presidente del Canadian Helsinki Watch Group, Direttore della Manitoba Association of Rights & Liberties, Amnesty International, B' nai Brith Canada, Canadian Bar Association e Canadian Council for Refugees e ha rappresentato Lai Changxing nei suoi procedimenti di estradizione.

 

MATTEO ROBERTSON

Giornalista investigativo / Redattore di notizie cinesi

In precedenza è stato giornalista per il giornale di Washington, DC. Scrive sulla Cina, incluso il Partito Comunista e le sue politiche, le relazioni USA-Cina, Hong Kong e argomenti correlati. Nel 2013 è stato insignito del premio Sigma Delta Chi della Society of Professional Journalists per la copertura del prelievo forzato di organi di prigionieri di coscienza da parte del regime cinese.

 

Negli ultimi dieci anni, sono emerse notizie secondo cui il regime cinese sta uccidendo prigionieri di coscienza per rifornire la sua vasta e redditizia industria dei trapianti di organi. Nuove prove e dati estratti da primarie fonti cinesi stanno ora scoprendo la natura e la portata di questi abusi.

Il 22 giugno 2016, tre rispettati investigatori indipendenti hanno pubblicato un rapporto di 680 pagine che illustra un'industria guidata dallo stato che trapianta molti più organi, di un ordine di grandezza, di quanto possa essere spiegato da fonti ufficiali, che secondo la Cina sono prigionieri giustiziati e donatori volontari.

Il prelievo di organi in Cina è diventato al centro dei media di tutto il mondo. Le udienze sono state tenute dal Congresso degli Stati Uniti, dal Parlamento britannico e dal Parlamento europeo. La Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti e il Parlamento europeo hanno approvato risoluzioni che condannano la pratica.

SCOPRI DI PIÙ

2006 Indagine

Il rapporto conclude che il governo cinese e le sue agenzie in numerose parti del paese, in particolare ospedali ma anche centri di detenzione e 'tribunali del popolo', dal 1999 hanno messo a morte un numero elevato ma sconosciuto di prigionieri di coscienza del Falun Gong. I loro organi vitali, inclusi reni, fegati, cornee e cuori, sono stati sequestrati involontariamente per la vendita a prezzi elevati, a volte a stranieri, che normalmente devono affrontare lunghe attese per le donazioni volontarie di tali organi nei loro paesi d'origine. 

La conclusione non deriva da un singolo elemento di prova, ma piuttosto dal mettere insieme tutte le prove considerate. Ciascuna parte delle prove considerate è, di per sé, verificabile e, nella maggior parte dei casi, incontestabile. Messi insieme, dipingono un quadro intero maledetto. 

 

LEGGI IL RAPPORTO 2006

 

2016 Indagine

La base del rapporto è un meticoloso esame dei programmi di trapianto di centinaia di ospedali in Cina, attingendo a resoconti dei media, propaganda ufficiale, giornali medici, siti Web ospedalieri e una vasta quantità di siti Web cancellati trovati negli archivi.

Il rapporto analizza le entrate dell'ospedale, il numero di letti, i tassi di utilizzo dei letti, il personale chirurgico, i programmi di formazione, i finanziamenti statali e altro ancora. Il rapporto mostra che il regime cinese esegue da 60,000 a 100,000 trapianti all'anno rispetto a 10,000 all'anno (l'affermazione cinese).

Il rapporto aggiorna due precedenti indagini; 'Body Harvest' e 'The Slaughter'.

 

LEGGI IL RAPPORTO 2016

GLI EPISODI

▷EPISODIO UNO

Indagini e Rapporti (1/4)

La questione della Cina pratiche di trapianto è venuto alla luce per la prima volta tramite un informatore nel marzo 2006. In risposta, David Kilgor e Davide Matas lanciato un studente indipendente indagine. Giornalista investigativo Ethan Gutmann in seguito trascorse sette anni facendo le proprie ricerche. È giunto a conclusioni simili. Nel 2016, i tre ricercatori hanno unito le forze, valutando la ricerca di fonti primarie sulle attività di centinaia di ospedali per trapianti in tutta la Cina. Attingendo a resoconti dei media, dichiarazioni ufficiali, giornali medici, siti Web di ospedali e archivi web, loro I risultati mostrano che l'industria cinese dei trapianti è diventata tra le più prolifiche al mondo in pochi anni, nonostante la mancanza di un sistema di donazione di organi.

▷EPISODIO DUE

Vittime e numeri (2/4)

L'oscuro segreto dell'industria cinese dei trapianti è che è stata utilizzata un'altra fonte: i prigionieri di coscienza non consenzienti. Quelli presi di mira includono prigionieri di coscienza già negli anni '1970, poi uiguri, un popolo musulmano turco residente nella regione nord-occidentale dello Xinjiang negli anni '1990, e negli anni seguenti, alcune prove aneddotiche indicano che anche tibetani e cristiani domestici in cattività erano Usato. Ma il gruppo di gran lunga più numeroso ad essere preso di mira per l'espianto di organi è il Falun Gong. Lo sviluppo serio e su larga scala del sistema di trapianti cinese ha coinciso con la campagna di sterminio del Partito Comunista Falun Gong.

▷EPISODIO TRE

Soppressione da parte del Partito Comunista Cinese (3/4)

La relazione tra il Partito Comunista e lo stato è diverso da tutto ciò che vediamo nei paesi democratici. Negli stati democratici, quelli al governo governano. In Cina è il Partito a governare. I funzionari statali sono burattini. È il Partito che tira le fila. Poiché il Partito governa lo Stato, gli organi statali non controllano il Partito. Ciò vale sia per il sistema giuridico che per quello politico. Il Partito è al di sopra della legge, perché il Partito dice al sistema legale cosa fare. Il Partito non ha bisogno della legge o dei tribunali per impegnarsi nella repressione. Utilizza la polizia e le carceri senza alcuna legge che ne sostenga l'attività.

▷EPISODIO QUATTRO

Legislazione e patrocinio (4/4)

Le leggi vengono approvate criminalizzare l'acquisto di organi oggetto di traffico in patria o all'estero.

The Coalition continua a chiedere ai governi di adottare misure tra cui la segnalazione obbligatoria di "turismo degli organi", il divieto di ingresso di persone coinvolte nel traffico di organi e il divieto di partecipazione delle aziende farmaceutiche ai test sul campo dei trapianti e alle sperimentazioni cliniche in Cina. Ti invitiamo a entrare in contatto con altri accademici, avvocati, esperti di etica, professionisti medici e difensori dei diritti umani per partecipare a una serie di iniziative per porre fine al prelievo forzato di organi in Cina.

I panelisti

CHRIS CHAPPELL

Scrittore/ricercatore/conduttore/creatore di China Uncensored

China Uncensored è una notizia cinese come il Daily Show o il rapporto Colbert è una notizia statunitense. È un po' divertente, un po' spaventoso e dannatamente divertente. Chris Chappell lancia la sua guerra al PCC con una visione sarcastica degli abusi del governo cinese con le ultime notizie.

 

ETHAN GUTMANN

Autore / Giornalista investigativo

La ricerca di Ethan Gutmann sulla sorveglianza Internet cinese, il sistema Laogai e l'intersezione del business occidentale con gli obiettivi di sicurezza cinesi ha ricevuto un'attenzione costante per quasi 15 anni. Ethan Gutmann ha fornito testimonianze e briefing al Congresso, alla Central Intelligence Agency, alla Società internazionale per i diritti umani di Ginevra, alle Nazioni Unite e ai parlamenti di Bruxelles, Ottawa e Canberra.

 

DAVID KIGOUR

Autore/ex Segretario di Stato per l'Asia-Pacifico

David Kilgour è co-presidente dei Canadian Friends of a Democratic Iran, ex presidente del gruppo di lavoro sulla politica dell'America Latina e dei Caraibi della filiale di Ottawa del Canadian International Council, direttore del Council for a Community of Democracies con sede a Washington ( CCD), membro del Centro per lo Studio della Democrazia della Queen's University, direttore della ONG Advancing Human Rights con sede a New York e direttore della Ottawa Mission Foundation.

 

ANASTASIA LIN

Attrice / Titolare del concorso di bellezza

Anastasia Lin è un'attrice pluripremiata, titolare di un concorso di bellezza e sostenitrice dei diritti umani. Nel 2015, Lin ha vinto il titolo di Miss World Canada. È stata invitata a parlare al National Press Club di Washington, DC, all'Oxford Union e al Summit sui diritti umani di Ginevra all'ONU, al Forum sulla libertà di Oslo e ha testimoniato al Congresso degli Stati Uniti, al Parlamento del Regno Unito e all'Assemblea legislativa taiwanese .

 

DAVID MATA

Autore / Avvocato per i diritti umani

David Matas è stato attivamente coinvolto come Direttore dell'International Defence & Aid Fund for South Africa in Canada, Direttore della cooperazione Canada-Sud Africa, co-presidente del Canadian Helsinki Watch Group, Direttore della Manitoba Association of Rights & Liberties, Amnesty International, B' nai Brith Canada, Canadian Bar Association e Canadian Council for Refugees e ha rappresentato Lai Changxing nei suoi procedimenti di estradizione.

 

MATTEO ROBERTSON

Giornalista investigativo / Redattore di notizie cinesi

In precedenza è stato giornalista per il giornale di Washington, DC. Scrive sulla Cina, incluso il Partito Comunista e le sue politiche, le relazioni USA-Cina, Hong Kong e argomenti correlati. Nel 2013 è stato insignito del premio Sigma Delta Chi della Society of Professional Journalists per la copertura del prelievo forzato di organi di prigionieri di coscienza da parte del regime cinese.

 

IL PROBLEMA

Negli ultimi dieci anni, sono emerse notizie secondo cui il regime cinese sta uccidendo prigionieri di coscienza per rifornire la sua vasta e redditizia industria dei trapianti di organi. Nuove prove e dati estratti da primarie fonti cinesi stanno ora scoprendo la natura e la portata di questi abusi.

Il 22 giugno 2016, tre rispettati investigatori indipendenti hanno pubblicato un rapporto di 680 pagine che illustra un'industria guidata dallo stato che trapianta molti più organi, di un ordine di grandezza, di quanto possa essere spiegato da fonti ufficiali, che secondo la Cina sono prigionieri giustiziati e donatori volontari.

Il prelievo di organi in Cina è diventato al centro dei media di tutto il mondo. Le udienze sono state tenute dal Congresso degli Stati Uniti, dal Parlamento britannico e dal Parlamento europeo. La Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti e il Parlamento europeo hanno approvato risoluzioni che condannano la pratica.

SCOPRI DI PIÙ

LE INDAGINI

2006 Indagine

Il rapporto conclude che il governo cinese e le sue agenzie in numerose parti del paese, in particolare ospedali ma anche centri di detenzione e 'tribunali del popolo', dal 1999 hanno messo a morte un numero elevato ma sconosciuto di prigionieri di coscienza del Falun Gong. I loro organi vitali, inclusi reni, fegati, cornee e cuori, sono stati sequestrati involontariamente per la vendita a prezzi elevati, a volte a stranieri, che normalmente devono affrontare lunghe attese per le donazioni volontarie di tali organi nei loro paesi d'origine. 

La conclusione non deriva da un singolo elemento di prova, ma piuttosto dal mettere insieme tutte le prove considerate. Ciascuna parte delle prove considerate è, di per sé, verificabile e, nella maggior parte dei casi, incontestabile. Messi insieme, dipingono un quadro intero maledetto. 

 

LEGGI IL RAPPORTO 2006

 

2016 Indagine

La base del rapporto è un meticoloso esame dei programmi di trapianto di centinaia di ospedali in Cina, attingendo a resoconti dei media, propaganda ufficiale, giornali medici, siti Web ospedalieri e una vasta quantità di siti Web cancellati trovati negli archivi.

Il rapporto analizza le entrate dell'ospedale, il numero di letti, i tassi di utilizzo dei letti, il personale chirurgico, i programmi di formazione, i finanziamenti statali e altro ancora. Il rapporto mostra che il regime cinese esegue da 60,000 a 100,000 trapianti all'anno rispetto a 10,000 all'anno (l'affermazione cinese).

Il rapporto aggiorna due precedenti indagini; 'Body Harvest' e 'The Slaughter'.

 

LEGGI IL RAPPORTO 2016