▷La serie di interviste "Uncut" di David Kilgour

Un intimo faccia a faccia con il famoso ex segretario di Stato. La questione della Cina pratiche di trapianto è venuto alla luce per la prima volta tramite un informatore nel marzo 2006. In risposta, David Kilgor ed Davide Matas lanciato un indipendente indagine. Giornalista investigativo Ethan Gutmann in seguito trascorse sette anni facendo le proprie ricerche. È giunto a conclusioni simili. Nel 2016, i tre ricercatori hanno unito le forze, valutando la ricerca di fonti primarie sulle attività di centinaia di ospedali per trapianti in Cina. Attingendo a resoconti dei media, dichiarazioni ufficiali, giornali medici, siti Web di ospedali e archivi web, il loro I risultati mostrano che l'industria cinese dei trapianti è diventata tra le più prolifiche al mondo in pochi anni, nonostante la mancanza di un sistema di donazione di organi.

Negli ultimi dieci anni, sono emerse notizie secondo cui il regime cinese sta uccidendo prigionieri di coscienza per rifornire la sua vasta e redditizia industria dei trapianti di organi. Nuove prove e dati estratti da primarie fonti cinesi stanno ora scoprendo la natura e la portata di questi abusi.

Il 22 giugno 2016, tre rispettati investigatori indipendenti hanno pubblicato un rapporto di 680 pagine che illustra un'industria guidata dallo stato che trapianta molti più organi, di un ordine di grandezza, di quanto possa essere spiegato da fonti ufficiali, che secondo la Cina sono prigionieri giustiziati e donatori volontari.

Il prelievo di organi in Cina è diventato al centro dei media di tutto il mondo. Le udienze sono state tenute dal Congresso degli Stati Uniti, dal Parlamento britannico e dal Parlamento europeo. La Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti e il Parlamento europeo hanno approvato risoluzioni che condannano la pratica.

SCOPRI DI PIÙ

2006 Indagine

Il rapporto conclude che il governo cinese e le sue agenzie in numerose parti del paese, in particolare ospedali ma anche centri di detenzione e 'tribunali del popolo', dal 1999 hanno messo a morte un numero elevato ma sconosciuto di prigionieri di coscienza del Falun Gong. I loro organi vitali, inclusi reni, fegati, cornee e cuori, sono stati sequestrati involontariamente per la vendita a prezzi elevati, a volte a stranieri, che normalmente devono affrontare lunghe attese per le donazioni volontarie di tali organi nei loro paesi d'origine. 

La conclusione non deriva da un singolo elemento di prova, ma piuttosto dal mettere insieme tutte le prove considerate. Ciascuna parte delle prove considerate è, di per sé, verificabile e, nella maggior parte dei casi, incontestabile. Messi insieme, dipingono un quadro intero maledetto. 

 

LEGGI IL RAPPORTO 2006

 

2016 Indagine

La base del rapporto è un meticoloso esame dei programmi di trapianto di centinaia di ospedali in Cina, attingendo a resoconti dei media, propaganda ufficiale, giornali medici, siti Web ospedalieri e una vasta quantità di siti Web cancellati trovati negli archivi.

Il rapporto analizza le entrate dell'ospedale, il numero di letti, i tassi di utilizzo dei letti, il personale chirurgico, i programmi di formazione, i finanziamenti statali e altro ancora. Il rapporto mostra che il regime cinese esegue da 60,000 a 100,000 trapianti all'anno rispetto a 10,000 all'anno (l'affermazione cinese).

Il rapporto aggiorna due precedenti indagini; 'Body Harvest' e 'The Slaughter'.

 

LEGGI IL RAPPORTO 2016

GLI EPISODI

▷La serie di interviste "Uncut" di David Kilgour

Un intimo faccia a faccia con il famoso ex segretario di Stato. La questione della Cina pratiche di trapianto è venuto alla luce per la prima volta tramite un informatore nel marzo 2006. In risposta, David Kilgor ed Davide Matas lanciato un indipendente indagine. Giornalista investigativo Ethan Gutmann in seguito trascorse sette anni facendo le proprie ricerche. È giunto a conclusioni simili. Nel 2016, i tre ricercatori hanno unito le forze, valutando la ricerca di fonti primarie sulle attività di centinaia di ospedali per trapianti in Cina. Attingendo a resoconti dei media, dichiarazioni ufficiali, giornali medici, siti Web di ospedali e archivi web, il loro I risultati mostrano che l'industria cinese dei trapianti è diventata tra le più prolifiche al mondo in pochi anni, nonostante la mancanza di un sistema di donazione di organi.

IL PROBLEMA

Negli ultimi dieci anni, sono emerse notizie secondo cui il regime cinese sta uccidendo prigionieri di coscienza per rifornire la sua vasta e redditizia industria dei trapianti di organi. Nuove prove e dati estratti da primarie fonti cinesi stanno ora scoprendo la natura e la portata di questi abusi.

Il 22 giugno 2016, tre rispettati investigatori indipendenti hanno pubblicato un rapporto di 680 pagine che illustra un'industria guidata dallo stato che trapianta molti più organi, di un ordine di grandezza, di quanto possa essere spiegato da fonti ufficiali, che secondo la Cina sono prigionieri giustiziati e donatori volontari.

Il prelievo di organi in Cina è diventato al centro dei media di tutto il mondo. Le udienze sono state tenute dal Congresso degli Stati Uniti, dal Parlamento britannico e dal Parlamento europeo. La Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti e il Parlamento europeo hanno approvato risoluzioni che condannano la pratica.

SCOPRI DI PIÙ

LE INDAGINI

2006 Indagine

Il rapporto conclude che il governo cinese e le sue agenzie in numerose parti del paese, in particolare ospedali ma anche centri di detenzione e 'tribunali del popolo', dal 1999 hanno messo a morte un numero elevato ma sconosciuto di prigionieri di coscienza del Falun Gong. I loro organi vitali, inclusi reni, fegati, cornee e cuori, sono stati sequestrati involontariamente per la vendita a prezzi elevati, a volte a stranieri, che normalmente devono affrontare lunghe attese per le donazioni volontarie di tali organi nei loro paesi d'origine. 

La conclusione non deriva da un singolo elemento di prova, ma piuttosto dal mettere insieme tutte le prove considerate. Ciascuna parte delle prove considerate è, di per sé, verificabile e, nella maggior parte dei casi, incontestabile. Messi insieme, dipingono un quadro intero maledetto. 

 

LEGGI IL RAPPORTO 2006

 

2016 Indagine

La base del rapporto è un meticoloso esame dei programmi di trapianto di centinaia di ospedali in Cina, attingendo a resoconti dei media, propaganda ufficiale, giornali medici, siti Web ospedalieri e una vasta quantità di siti Web cancellati trovati negli archivi.

Il rapporto analizza le entrate dell'ospedale, il numero di letti, i tassi di utilizzo dei letti, il personale chirurgico, i programmi di formazione, i finanziamenti statali e altro ancora. Il rapporto mostra che il regime cinese esegue da 60,000 a 100,000 trapianti all'anno rispetto a 10,000 all'anno (l'affermazione cinese).

Il rapporto aggiorna due precedenti indagini; 'Body Harvest' e 'The Slaughter'.

 

LEGGI IL RAPPORTO 2016

Copyright © 2017 La coalizione internazionale per porre fine agli abusi sui trapianti. Tutti i diritti riservati

Una produzione NTD Nordic / Coalition Pictures